Voci dalla Val Montone, documentario. Pagina per il film Voci dalla Val Montone di Massimo Alì Mohammad e della TAM, Valeria Ferioli, Commissione Regionale Tutela Ambiente Montano Emilia Romagna.
© 2017 sanbenedettoinalpe.com.               Questo sito è pubblicato da un cittadino come servizio per la collettività.
Dove Siamo: cliccate qui

Nel 2005 al Comune di
Portico e San Benedetto
è stata attribuita dal
Touring Club d' Italia
la Bandiera Arancione,
marchio di qualità
turistico - ambientale.



Cascata dell'Acquacheta


Sulla strada statale 67

Firenze
Forli
Bologna
Ancona
Milano
Roma
63 km
45 km
120 km
212 km
320 km
340 km
1 ora 45'
50'
1 ora 50'
2 ore 30'
3 ore 45'
4 ore 10'

Dove Siamo: clicca qui


Verso la chiesa
I nostri ospiti partecipano alla Messa, il 30 marzo a San Benedetto






San Benedetto in Alpe, 30 marzo 2014. Dopo un viaggio lungo e pericoloso per la sicurezza e la libertà che è durato molti mesi e in alcuni casi anni, i nostri ospiti e amici dopo essere stati presso l'Ostello solo per un paio di giorni ci hanno chiesto se potevano assistere alla Messa. Alcuni di loro non erano potuti entrare in una chiesa per anni. Domenica 30 marzo, intorno alle 17:00 erano pronti e tutti noi, con la gioia in un bel pomeriggio di primavera, siamo scesi dall’Ostello per recarci alla nostra chiesa di Molino per la loro prima uscita da quando sono arrivati. È stata una bella Messa, un momento di condivisione per tutti noi. Qual è l'insegnamento della Chiesa, sopra ogni altra cosa, se non amare l'un l'altro in uguaglianza e fratellanza per tutti gli esseri umani, i fortunati e meno fortunati, ricchi e poveri? Dare una mano delle due che abbiamo, o la condivisione, se ne abbiamo solo una. La congregazione nella nostra chiesa Domenica scorsa rende San Benedetto orgogliosa come comunità, benedetta nell'opportunità di mostrare che la fede non è solo parole, ma un modo di vivere.







L'Ostello vive!
C'erano 190 anime a San Benedetto in Alpe e ora ce ne sono 215



San Benedetto in Alpe, 23 marzo 2014. Venticinque profughi sono arrivati ​​domenica sera a San Benedetto in Alpe, sulla strada della loro fuga da una vita, e una morte, che molti di noi vedono solo in televisione e non potrebbero mai immaginare per se stessi. Essi rimarranno con noi almeno fino al 30 giugno. La richiesta d'aiuto è arrivata dal Ministero dell'interno giovedì scorso e i volontari di San Benedetto in Alpe hanno reso l'Ostello pronto a riceverli da sabato sera. L'energia elettrica è stata ripristinata. Il nostro Comune ha fatto tutti i preparativi per l'accoglienza e l'autobus della polizia, che li ha trasportati qui da Bologna - dove un volo dell'aereonautica militare aveva portato i profughi dalla Sicilia - è arrivato a Molino alle 18:30 circa. Noi li accogliamo in Europa e a San Benedetto in Alpe, li abbiamo condotti all'Ostello dove si sono stabiliti e hanno cenato. La vita sarà diversa per loro, ora. Essi non devono più fuggire o temere per la loro vita.



web traffic analysis